Governance

La Società adotta un sistema di governo societario in virtù del quale l’organo di gestione dell’impresa è il Consiglio di Amministrazione. L’Organo di Vigilanza in ordine al rispetto, tra l’altro, della legge, dello Statuto e dei principi di corretta amministrazione è il Collegio Sindacale, mentre la Società di Revisione è incaricata della revisione legale dei conti.
 
Schema riassuntivo della Governance della Società effettiva al 20 aprile 2020.
 
governance-ITALIANO2020
 
 
Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio di Amministrazione è l’organo responsabile della gestione dell’impresa. Esamina e approva, tra l’altro:

  • le linee guida dell’attività operativa;
  • le proposte organizzative, di governo societario;
  • gli indirizzi generali quanto alla gestione delle risorse umane;
  • le proposte di riorganizzazione della struttura societaria;
  • l’andamento della gestione;
  • le operazioni straordinarie;
  • i budget annuali e i risultati consuntivi trimestrali, semestrali e annuali.
  •  
    Comitato Investimenti

    Il Comitato Investimenti ha funzioni istruttorie, consultive e/o propositive a supporto dell’attività del Consiglio di Amministrazione riguardo a:

  • specifici progetti di investimento, valutandone la coerenza con le linee guida strategiche del Gruppo, gli obiettivi di reddittività e la sostenibilità sotto il profilo finanziario;
  • le procedure aziendali in tema di investimenti e operazioni rilevanti.
  • In via generale il Comitato monitora l’implementazione dei programmi di investimento approvati, seguendone l’andamento in termini di costo sostenuto e di ritorno dell’investimento effettivamente realizzato (post-audit), analizzando le principali criticità emergenti.
     
    Comitato Controllo e Rischi

    Al Comitato per il Controllo e Rischi, i cui componenti sono dotati di un’adeguata esperienza in materia contabile e finanziaria, sono attribuiti, tra gli altri, i seguenti principali compiti:

  • assistere il Consiglio di Amministrazione nella definizione delle linee di indirizzo del sistema di controllo interno e nel determinare criteri di compatibilità dei rischi afferenti alla Società e alle controllate con una sana e corretta gestione dell’impresa. Su richiesta del Presidente Esecutivo esprime pareri su specifici aspetti inerenti alla identificazione dei principali rischi aziendali;
  • assistere il Consiglio di Amministrazione nella valutazione dell’adeguatezza, efficacia ed effettivo funzionamento del sistema di controllo interno, del quale cura la supervisione;
  • fornire al Consiglio di Amministrazione indicazioni e informazioni sul rispetto delle regole di governo societario;
  • valutare, unitamente al direttore della funzione Amministrazione Finanza e Controllo della Società e alla Società di Revisione, l’adeguatezza dei principi contabili utilizzati e la loro omogeneità ai fini della redazione del bilancio consolidato;
  • verificare, con l’ausilio del Responsabile del Controllo Interno, il processo di formazione dei dati di bilancio;
  • vigilare sull’efficacia del processo di revisione contabile e valutare i risultati esposti nella relazione della Società di Revisione e nella eventuale lettera di suggerimenti;
  • ricevere la relazione annuale sull’applicazione del “Modello di Organizzazione e Gestione”, previsto dal D.Lgs. 231/2001, adottato dalla Società, che include anche il Codice Etico, e valutare l’opportunità di Proporre al Consiglio di Amministrazione eventuali aggiornamenti e/o modifiche a tale modello e alle sue modalità di applicazione;
  • valutare ed esprimere in via preventiva e come condizione necessaria all’affidamento dell’incarico, un parere, anche di congruità, su tutti i servizi di revisione, e non, prestati dalla Società di Revisione;
  • valutare e verificare l’indipendenza della Società di Revisione esterna.
  •  
    Comitato Risorse Umane e Remunerazione

    Il Comitato Risorse Umane e Remunerazione ha funzioni istruttorie, consultive e propositive nei confronti del Consiglio di Amministrazione e, in particolare:

  • formula proposte per la remunerazione complessiva del Presidente, degli amministratori e dei dirigenti delle società di Benetton Group;
  • esamina gli obiettivi di performance e i piani di incentivazione destinati ai dipendenti delle società di Benetton Group;
  • valuta le proposte in merito: ai criteri di composizione e ai profili di competenze sui nominativi individuati per la composizione degli organi di amministrazione e controllo delle società controllate di rilevanza strategica; alle politiche di sviluppo strategico delle “risorse umane”; all’assunzione e nomina dei dirigenti della Società e di Benetton Group.
  •  
    Modello organizzativo ex D.Lgs. 231/2001

    L’attuale Modello di Gestione, Organizzazione e Controllo, adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 1° marzo 2016, che ha sostituito quello approvato nel 2008, risulta composto da una parte generale e da più parti speciali.
     
    Il Codice Etico approvato dalla Società è da ritenersi parte integrante del Modello. Nell’ambito del Codice Etico, il Gruppo ha aderito agli International Labour Standards (ILS) contemplati nelle convenzioni fondamentali dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro.
     
    GDPR
    Con l’entrata in vigore del Regolamento Generale UE 2016/679 sulla protezione dei dati personali (noto come GDPR), nel 2018 la società si è dotata di una Nuova organizzazione privacy introducendo la figura del Responsabile per la protezione dei dati (Data Protection Officer, nella persona di Mauro Menardo) coadiuvato da un team multidisciplinare che ha dato vita all’Ufficio Privacy.
     
    La nuova organizzazione, che ha il compito di osservare, valutare e contribuire alla gestione del trattamento di dati personali, consente a Benetton Group S.r.l. di garantire ai propri dipendenti, ai consumatori, e in generale ai propri stakeholder, la corretta protezione nella gestione dei dati personali nell’esercizio dell’attività sociale, affinché questi siano trattati nel pieno rispetto delle normative privacy europee e nazionali.
     

    Comitato di Sostenibilità

    Istituito dal Consiglio di Amministrazione nel 2015, il Comitato di Sostenibilità definisce la strategia di sostenibilità di Benetton Group e presiede alla sua attuazione. La creazione del Comitato è un’ulteriore prova dell’impegno dell’azienda, condiviso a tutti i livelli, a contribuire al cambiamento sociale attraverso le proprie iniziative.
     
    Gli obiettivi del Comitato di Sostenibilità di Benetton Group comprendono:

  • la promozione di un’integrazione efficiente e continua delle iniziative per la sostenibilità nelle attività dell’azienda e il supporto al Direttore Sostenibilità nelle proprie mansioni;
  • l’armonizzazione delle attività di sostenibilità;
  • la promozione di un dialogo con gli attori interni ed esterni sui temi della sostenibilità;
  • l’analisi e la revisione periodica degli strumenti di implementazione della sostenibilità – a partire dal Code of Conduct for Manufacturers e dalle sue procedure di attuazione – anche alla luce dei possibili rischi per la reputazione dell’azienda e dei suoi marchi;
  • la comunicazione costante di informazioni e indicazioni riguardanti l’applicazione della strategia di sostenibilità e dei relativi strumenti al Consiglio di Amministrazione;
  • il presidio delle attività relative alla comunicazione integrata e alla comunicazione di KPI e di dati rilevanti in merito alle problematiche ambientali e sociali.
  •  

    Il Comitato è così composto:
    – Amministratore Delegato
    – Dir. Corporate Staff
    – Dir. Risorse Umane e Organizzazione
    – Dir. Prodotto e Supply Chain
    – Dir. Internal Audit e Sostenibilità
    – CEO Fabrica
     
    Contatto del Comitato di Sostenibilità:
    csr@benetton.it