Catene di Fornitura Sostenibili

th_supply_chain

Lavoro, ambiente, salute e sicurezza nella catena di fornitura
Benetton Group è un’azienda impegnata nella promozione e nel rispetto dei diritti umani e dell’ambiente.
 
L’azienda applica a tutti i fornitori e subfornitori, così come a chiunque entri in relazioni di affari con il Gruppo, il Codice di Condotta di Benetton Group fondato sul rispetto dei diritti umani e sulla salvaguardia dell’ambiente.
 
Attraverso l’attuazione del Codice di Condotta, Benetton Group intende mettere in pratica le normative internazionali più rilevanti, con particolare riferimento alle Linee Guida su Imprese e Diritti Umani delle Nazioni Unite, del giugno 2011, e alla Comunicazione della Commissione Europea per una Rinnovata Strategia sulla Responsabilità Sociale d’Impresa, dell’ottobre 2011.
 


 
La gestione responsabile della catena di fornitura
La gestione della catena di fornitura rappresenta un aspetto chiave per le attività di business di Benetton Group.
 
Fin dalla fase di selezione e qualifica, il rapporto con i fornitori si articola su principi e criteri di qualità e competitività dei prodotti offerti e trasparenza, nonché sul rispetto dei principi sociali, etici e ambientali.
Inoltre, per monitorare l’effettiva applicazione dei principi del Codice di Condotta lungo la catena di fornitura, l’azienda ha sviluppato una check list ed ha implementato un programma di audit CSR che coinvolge ciclicamente tutti i produttori di capi finiti, con controlli che si ripetono tra un minimo di sei mesi ad un massimo di due anni, a seconda dei risultati raggiunti e dalla necessità di porre in essere eventuali azioni correttive. Questi controlli, che si svolgono unicamente in maniera non annunciata, sono affidati a soggetti terzi e indipendenti e poi riverificati per coerenza anche internamente.
 
La lista dei fornitori include il “primo livello” e il “secondo livello” di fornitori e subfornitori di prodotto finito. I fornitori di “primo livello” fanno riferimento ai confezionisti, mentre i fornitori di “secondo livello” ad altre lavorazioni (e.g. ricamo, stampa). Sono riportati solo i fornitori attivi dislocati in diversi Paesi in tutto il mondo, mentre sono esclusi i fornitori definiti occasionali (con un volume annuo inferiore a 20.000 pezzi per il settore abbigliamento e inferiore a 10.000 pezzi per il settore calzature e accessori). A causa della complessità di gestione della catena di fornitura, Benetton si impegna ad aggiornare la lista annualmente. Durante l’anno lavorativo infatti, nuove collaborazione potrebbero iniziare, così come concludersi. I fornitori sono classificati in base alla tipologia di prodotto realizzato in abbigliamento, accessori e calzature.
 

cVisualizza la mappa
 
 
Sustainable Apparel Coalition
SAC_Print_Logo
Benetton Group è entrata a far parte di Sustainable Apparel Coalition (SAC) nel novembre 2017. Attraverso la partecipazione a SAC, Benetton Group si unisce a oltre 200 brand, retailer e produttori, così come governi, associazioni ambientaliste e istituzioni accademiche, che sono impegnate nel miglioramento della sostenibilità delle catene di fornitura nell’industria del tessile, dell’abbigliamento e delle calzature.
 
Nel contesto del suo impegno con SAC, Benetton Group fornirà dati e risorse a supporto dello sviluppo dell’Higg Index, che misura la performance di sostenibilità, promuove la trasparenza della catena di fornitura e supporta i processi decisionali al fine di migliorare l’efficienza e gli impatti di sostenibilità. L’Higg Index è una suite di strumenti open source basata su indicatori che permette a fornitori, produttori, brand e retailer di valutare materiali, prodotti, strutture e processi sulla base della performance ambientale, delle pratiche di lavoro, e delle scelte di design del prodotto.
 
Benetton Group crede nella forza di un approccio collaborativo quando si tratta di sostenibilità e per questo ritiene che SAC avrà nel tempo un impatto positivo sulla sostenibilità del prodotto e diventerà un modello di come l’industria può collaborare per avere un impatto positivo sulla performance delle catene di fornitura.