Comunicati e Statements

Sisley Art Project

18 giubbotti da motociclista personalizzati da 17 artisti pop contemporanei Il progetto, curato da Glenn O’Brien e presentato durante la Settimana della Moda di Milano, sarà successivamente oggetto di una mostra e di un’asta in favore del Museo Andy Warhol. Asta da Christie’s a New York l’8 novembre

Sisley, il marchio del Gruppo Benetton più attento alle tendenze della moda, presenta una mostra e un’asta di giubbotti da motociclista dipinti da artisti di spicco in favore dell’Andy Warhol Museum di Pittsburgh. Il progetto, curato da Glenn O’Brien – diciotto giubbotti in pelle firmati da diciassette artisti – sarà inaugurato il 22 settembre durante la Settimana della Moda di Milano, con un’esposizione e un gala a Palazzo Bovara, in Corso Venezia 51. Il prossimo mese di ottobre la mostra verrà trasferita ed esposta all’Andy Warhol Museum per concludersi con un party il 30 ottobre dal titolo “Film, Fame and Fifteen Minutes” in occasione del quindicesimo anniversario del museo. L’asta di un numero selezionato di giacche sarà battuta da Christie’s a New York l’8 novembre, in coordinamento con l’asta online che avrà inizio dal 22 settembre su www.CharityBuzz.com per promuovere le offerte a livello internazionale.

Il nostro gruppo è da sempre molto vicino alla cultura dell’immagine, del design e dell’arte”, sottolinea Alessandro Benetton, Vice Presidente Esecutivo di Benetton Group. “l lavori di questi artisti contemporanei affermano, nel nome di Warhol, un’idea di arte nel suo tempo, di processo estetico immerso nella realtà, in stretta sintonia con i valori di Sisley, un brand dal forte segno attuale e distintivo”.

Il giubbotto da motociclista personalizzato è un’immagine ricorrente della cultura pop, da quello indossato da Marlon Brando in Il Selvaggio, ai colori delle famigerate bande motociclistiche americane, fino alle giacche indossate da artisti e rockstar della scena punk negli anni settanta e ottanta.  Andy Warhol stesso, che negli anni sessanta ha dettato lo stile con le sue giacche di pelle, i jeans, gli occhiali scuri e gli stivaletti Beatle, era un appassionato collezionista di giacche da motociclista. Nei primi anni ottanta Warhol collezionò alcune giacche in pelle, tra cui una con il suo ritratto e quello di Jean-Michel Basquiat, dipinta dall’artista new wave Stefano. 

All’epoca, molti musicisti e artisti amavano indossare giacche dipinte o decorate da graffiti artist. L’artista Ronnie Cutrone, che ha contribuito all’evento, ha fatto decorare la sua giacca da molti dei celebri graffiti writer dell’epoca e Glenn O’Brien, curatore della mostra, ha indossato una giacca con una corona sulla schiena dipinta da Jean-Michel Basquiat. Le diciotto giacche commissionate da Sisley saranno esposte nel museo accanto alle giacche della collezione personale di Andy Warhol.

“Il Museo Andy Warhol è particolarmente orgoglioso di partecipare a questo innovativo progetto artistico sponsorizzato dal Gruppo Benetton. Così come il nostro avatar Andy Warhol è stato rapido nel rispondere al temperamento dei suoi tempi, allo stesso modo il marchio Sisley ha sempre colto nei suoi meravigliosi vestiti le tendenze che raccontano il nostro tempo. Siamo grati per la generosità del Gruppo nel scegliere la nostra istituzione come beneficiario del ricavato dall’asta di questi ‘sfregi’ su semplici giubbotti di pelle,“ ha detto Thomas Sokolowski, direttore di The Andy Warhol Museum.

Alla mostra hanno contribuito artisti della scena punk e new wave come Stefano Castronovo, Ronnie Cutrone, Jane Dickson, Duncan Hannah, Robert Hawkins, Kenny Scharf e Walter Steding, oltre ad artisti chiave dell’originale graffiti art come Frederick “Fab Five Freddy” Brathwaite, Lee Quinones e Ouattara Watts.  Tra i numerosi artisti di rilievo della nuova generazione dotati di uno spirito analogo possiamo citare anche Rita Ackermann, Dan Colen, Brad Kahlhamer, Nate Lowman, Marco Perego e Tom Sachs.

Quest’anno il Museo Andy Warhol, uno dei quattro Carnegie Museums di Pittsburgh celebra il suo quindicesimo anniversario.  Questa istituzione è non solo una risorsa di grande valore per la storia di Andy Warhol, ma anche un luogo avventuroso e pioneristico per la presentazione di arti visive, cinema e video che riflette la cultura del grande artista americano.  Uno dei programmi in corso al museo è l’apertura e la catalogazione delle Capsule del Tempo di Andy Warhol, un’ampia collezione di scatole di cartone che l’artista ha riempito con manufatti del proprio tempo. Questo progetto in divenire offre un punto di osservazione prezioso non solo sulla vita di Warhol, ma anche sul suo tempo, che potrebbe sembrare recente ma che, osservando i manufatti contenuti nelle scatole, appare curiosamente lontano nello stile e nello spirito.

Sisley, il brand di moda del Gruppo Benetton, è una griffe di fama internazionale con 900 negozi in tutto il mondo.  Le sue campagne di comunicazione, sofisticate e trasgressive, unite all’attenzione per l’immagine, la ricerca e l’innovazione pongono il marchio al centro delle tendenze e dei movimenti contemporanei.

Per ulteriori informazioni:

+39 0422 519036
press.benettongroup.com
benettonpress.mobi